Benvenuti a Chiaraluce,

Immersi nelle colline di Massignano, un’oasi di tranquillità, e a due passi dal mare. Quando si ha voglia di regalarsi un weekend di serenità, buona cucina, splendidi paesaggi e molto altro!

Leggi cosa hanno scritto nel Libro degli Ospiti

Date un’occhiata anche a www.countryhouseonline.it


mare e campagna in tutto relax,

Basta girare lo sguardo per godere di tutta la bellezza che le Marche possono offrire, dalla verde campagna al mal mare dal blu profondo…

E dalle nostre finestre si vede sorgere il sole dall’acqua, basta svegliarsi presto!


sfoglia il nostro blog,

scopri cosa offriamo



e prenota subito.

Lasciaci un messaggio e ti risponderemo al più presto!

Leave us a message and we will contact you as soon as possible!

Country House Chiaraluce
Contrada Fonte Trufo, 34
63010 Massignago (AP) Italy
Tel. e Fax: +39 0735.72376
Mobile: +39 328.3044592 / +39 348.3514131

Nome

Email

Info su

Due parole


Country House Online >>   -

Archivio di Gennaio 2010

natura morta light boxDall’alto dei borghi medievali, terrazze naturali sull’Adriatico, lo sguardo si perde innamorato sulla distesa di sabbia nel suo contrasto col mare. Sugli arenili, purtroppo, le emozioni sono condannate al rovesciamento: nelle risacche delle nostre spiagge libere, infatti, non rotolano solo gusci di granchio e valve di conchiglie senza vita, ma anche i prodotti della disattenzione e dell’incuria dell’uomo. Plastiche, lattine e resti del lavoro della campagna e rifiuti di ogni genere invadono come come nuovi nemici la pianura balneare. E dagli arenili trasformati in sacrari di scarti, l’arte concepita come imitazione della realtà, trae fonte di tormentata ispirazione.
L’artista Henrica van Velzen, nelle sue passeggiate lungo la Riviera delle Palme e le foci dei fiumi della Bassa Marca, è rimasta impressionata dagli scarti dell’umanità diffusa. Ha raccolto campioni catalogandoli in contenitori di fortuna, cornici, a loro volta, del disfacimento. Per lenire la sua sofferenza e non limitarsi solo alla denuncia tout court, Henrica intraprende un processo di affinamento delle sue emozioni più ruvide e trasforma le visioni materiali in valori immateriali. Un processo di sublimazione che trasforma la preoccupazione egoistica in visione universale.
La sua ricerca estetica e il suo pensiero contemporaneo percorrono, dunque, un sentiero creativo che si distanzia dal puro compiacimento delle forme visive policrome per cercare un nuovo approccio al messaggio artistico che testimoni e storicizzi il percorso dell’uomo. E così intreccia con i suoi strumenti la tela di una nuova preistoria. Dagli scarti nascono nuove forme per comunicare l’ansia di fermare lo scempio sul quale spesso stende pietosa una mano di colore, il bianco, come sudario.

Un’immagine del videoGrazie a Enzo Malavolta per aver girato il video a Chiaraluce questo è il link

aglio-selvatico.JPGA great dish, wild garlic with chopped olives on tagliatelle. Le erbe selvatiche mi hanno stregata in questo periodo, ma è stato soprattutto l’aglio selvatico a solleticare la mia fantasia culinaria, così l’ho combinato con l’oliva tenera ascolana Dop sminuzzata, entrambi li scaldo in olio extravergine di oliva e ci condisco delle tagliatelle al dente. Chi ama il pecorino secco, può spolverarlo sul piatto assieme al pepe. Semplice e dlizioso.